IL MURO DI GOMMA

IL MURO DI GOMMA

Impossibile dialogare. Impossibile proporre. Impossibile cercare di trovare un punto di incontro. Ieri sera in consiglio comunale è andata in scena l’ennesima dimostrazione dei limiti e della continua ottusità concettuale di questa amministrazione comunale.

Il campo di confronto è stata la seduta consigliare che aveva come ordine del giorno l’approvazione del bilancio di previsione 2018.

La nostra lista, ricordiamo apartitica e orientata verso le esigenze dei Rhodensi e del territorio, aveva presentato tre emendamenti, richieste funzionali nell’ottica del fare.

Piccoli spostamenti di bilancio orientati ad istituire servizi e benefici per diverse categorie di cittadini. Le richieste erano quella di istituire un hospital-bus ovvero un collegamento con un bus-navetta, tra gli ospedali di Rho (compresa la sede di Passirana) e quelli di Garbagnate e Bollate che andava ad implementazione e potenziamento un servizio totalmente gratuito, già esistente e finanziato dal Comune di Bollate e dall’Azienda Ospedaliera Salvini, che collega però solo i nosocomi di Bollate e Garbagnate.

L’eliminazione, per il periodo estivo, della Tosap per bar e ristoranti e lo stanziamento di maggiori fondi pubblici per la manutenzione delle strade della città e per la sistemazione e copertura dell’area comunale del mercatino di via Garibaldi.

Stanziamenti nell’ordine di poche decine di migliaia di euro recuperabili con spostamenti in diversi capitoli del bilancio comunale.

Tutte le nostre richieste sono state a priori cassate adducendo le più svariate motivazioni, motivazione tutte preconcettuali, filosofiche e poco concrete.

Quella che è la nostra sensazione è che avremmo potuto anche presentare mille emendamenti e, senza dubbio, il risultato sarebbe stato sempre lo stesso: il voto contrario!

Tra le varie dichiarazioni espresse dai consiglieri di maggioranza ricorrente è stata quella che le nostre proposte fossero solo uno spreco di soldi pubblici. Nel particolare per il bus-navetta è già presente un capillare e puntuale servizio di trasporto privato a pagamento che collega i nosocomi della zona, pertanto inutile istituire un servizio gratuito per la popolazione. Per quanto riguarda la Tosap per la maggioranza non si devono agevolare solo alcuni esercizi pubblici a discapito di altri e per quanto riguarda la manutenzione delle strade e il mercatino sarebbero già in atto piani per la sistemazione e organizzazione di tali interventi, quindi inutili altri stanzianti.

Un bel mix di preoconcettualismo e apriorismo ideologico attuato dalla giunta Romano e dalla maggioranza che la sostiene che la dice lunga sulla incapacità di avere una visione aperta, futuribile e collaborativa nella gestione della città.

Oggi l’amministrazione Romano – commenta Marco Tizzoni capo gruppo di Gente di Rho – ha perso in occasione per migliorare le condizioni di vita dei nostri concittadini e per tentare di riattivare le nostre frazioni e il centro storico. Dopo la seduta di ieri sono sempre più convinto che chi ci amministra da 7 anni non e’ in grado di farlo ne ha a cuore l’interesse dei Rhodensi. God Bless Rho”.

Il bilancio di previsione 2018 – commenta invece il segretario di Gente di Rho Claudio Scarlino – come del resto tutti i bilanci presentati dalla giunta Romano, non consentono di affrontare in maniera immediata alcune delle problematiche che affliggono da tempo immemore la nostra città, come ad esempio il commercio, le attività produttive e la socialità dei luoghi pubblici. Spiace assistere ancora una volta al teatrino della saccenza e alla difesa incondizionata delle proprie visioni. Ogni forma di dialogo risulta essere impossibile”.

IL MURO DI GOMMA ultima modifica: 2018-04-18T17:50:14+00:00 da Redazione